La Valle del Gallo di Fuoco

Entriamo

Immediatamente vediamo il sole, è largo e brillante. Siamo felici di vedere il sole. C’è un sorriso sui nostri volti, nell’apprezzare una così bella vista.

Al centro vediamo Leone, anche lui sta guardando il sole con grande apprezzamento. Così tanto da ruggire – ma ascoltate! Il suo ruggito somiglia al canto di un gallo – chicchirichì! Gli animali si fanno attenti, il sole è qui, la luce, la bellezza. Eccoci.

Vediamo che gli animali hanno il petto aperto, come il petto gonfiato di un gallo. I loro cuori sono aperti. A questa vista, anche noi apriamo i nostri. Li esponiamo ai raggi della luce. Ah. Qui. Come è caldo. Sentiamo lo scorrere d’energia e rimaniamo con essa. Così dovremmo iniziare la nostra giornata.

Possiamo cantare come il gallo. Alla vista del sole, il gallo gli canta: Eccoti lì. So che sempre verrai. Il Gallo con il suo forte bruciante fuoco, conosce l’uso della saggezza del suo spirito. Non importa come possano sembrare buie le cose, sa che la luce sempre verrà, perché è sempre qui. Proprio qui. Noi apriamo i nostri cuori come fa lui e sentiamo quel fuoco, quella luce. Ah. Qui.

Grazie, Gallo.